Dare il massimo

Dare il massimo. Il bene in sanitÀ

di Autori  Vari
a cura di Maria Cristina Mantovan

ISBN 9788899332808
Pagg. 256
Euro 18,00 – spedizione gratuita

AGGIUNGI AL CARRELLO→

anche in ebook →

La salute: la diagnosi, la cura, la presa in carico di un malato sono da considerarsi un “fatto sociale”. Cultura sanitaria condivisa e operato sanitario non possono prescindere da una moralità personale: la cura del paziente è la cura del sé. Non si può anteporre, mai, l’interesse personale al bene di chi si trova in condizione di difficoltà.

L’economia sanitaria: la gestione e l’uso del denaro pubblico erogato per la tutela della salute del cittadino necessitano di un grande rigore etico ed un alto senso dello Stato, sia da parte di chi eroga le prestazioni, sia da parte di chi ne usufruisce. Esigenze, queste, dovute soprattutto ai nefasti effetti sulla spesa pubblica e di conseguenza sull’intera collettività, seppure indirettamente, in caso di illeciti.

Il libro ci porta verso argomenti solo apparentemente molto diversi: organizzazione ed economia sanitaria; diagnosi e cura in base alle linee guida; comportamenti sanitari garanti di competenza professionale e di umanizzazione delle cure; etica sanitaria; aspetti giuridici. Un solo comune denominatore: la sanità come bene comune, all’insegna della cooperazione sociale e nella ricerca di crescita socio-culturale.

Professionisti di elevata competenza, gli autori non si sprecano in dissertazioni teoriche ma offrono contributi precisi e di rilevanza pratica conducendo passo passo il lettore alla riflessione personale.

Prefazione di Monsignor Mistò: da otto anni ricopre incarichi sempre più delicati nella Curia Romana in materia di economia e finanza. È coordinatore ad interim della Segreteria dell’Economia dopo l’uscita di scena del cardinale australiano George Pell. Il segretario di Stato cardinale Pietro Parolin lo ha indicato anche alla guida della Commissione di controllo e valutazione sulla sanità cattolica con l’obiettivo di guardare a tutto il mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *