Silurate! 24 luglio 1943

L’affondamento del postale Santa Lucia

di Luciano Zani
introduzione dell’Ammiraglio Giovanni Pettorino

ISBN 9791280184535

Pagg. 128- Euro 14,00 – spedizione gratuita

Forse trasportava un passeggero illustre o Benito Mussolini? O qualche confinato politico importante?
Oggi, finalmente, con questo libro, possiamo svelare la verità.

AGGIUNGI AL CARRELLO→

 

Seconda guerra mondiale.
La nave postale Santa Lucia collega la terraferma con le isole Pontine. Partita da Ponza alle 8 del mattino del 24 luglio 1943, è intercettata alle 10 al largo di Ventotene da una squadriglia di 8 aerei del 47° stormo di aerosiluranti inglesi partiti dalla base tunisina di Protville. Due siluri sono sganciati contro il piroscafo, uno lo colpisce in pieno facendolo esplodere e affondare in meno di un minuto: 65 morti, solo 5 superstiti, uno dei quali, il comandante Cosimo Simeone, morirà due giorni dopo.

Da Ventotene molti assistono alla tragedia e alle operazioni di soccorso ma nessuna notizia viene data ai familiari delle vittime, perché l’inchiesta della Capitaneria di porto di Gaeta si perde nel caos successivo al 25 luglio (caduta del fascismo) e all’8 settembre (armistizio). Il silenzio e la mancanza dei corpi delle vittime creano un mistero che produce leggende. Perché fu attaccato il Santa Lucia?
Forse trasportava un passeggero illustre, Benito Mussolini? O qualche confinato politico importante? O una segnalazione partita dalle isole del Golfo di Napoli aveva avvertito gli inglesi?

Oggi finalmente questo libro ricostruisce la verità e i suoi nessi con il contesto storico di quei giorni

LUCIANO ZANI, Professore ordinario di Storia contemporanea presso il Dipartimento di Scienze Sociali ed Economiche della Facoltà di Scienze politiche, Sociologia, Comunicazione della Sapienza Università di Roma. Ex Preside della Facoltà di Sociologia della Sapienza.
Membro del Comitato scientifico della Fondazione sul giornalismo italiano Paolo Murialdi.
Ha scritto di fascismo, antifascismo e guerre mondiali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *